Facebook   Twitter   Youtube   Feed RSS
 
 

Edizione 2018

E’ stato un momento di grande festa, ma anche un'opportunità di confronto e di crescita per i giovani sui temi della sostenibilità ambientale e sociale il Festival Educazione alla Sostenibilità che si è tenuto nei giorni del 23 e il 24 aprile presso il Galoppatoio di Villa Borghese all’interno del Villaggio per la Terra 2018, la più grande manifestazione ambientale del Paese. Il Festival è stato organizzato da Earth Day Italia con il Movimento dei Focolari in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca e con il Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare. Il Villaggio per la Terra del 2018 ha scelto come tema centrale l’Agenda 2030 e i suoi Obiettivi con il fine di aumentare la conoscenza di quel che rappresenta e favorire il coinvolgimento attivo di tutte le componenti della società, dalle imprese al settore pubblico, dalla società civile alle istituzioni filantropiche, dalle università e centri di ricerca agli operatori dell’informazione e della cultura in questa grande sfida per il futuro del Pianeta.

Il Festival Educazione alla Sostenibilità ha rappresentato la naturale evoluzione dell’iniziativa lanciata nel 2017 con il Festival dell’educazione ambientale, evento che vide la partecipazione di oltre 2000 studenti e che in questa edizione, focalizzandosi sul tema della sostenibilità, ha portato uno sguardo ancora più ampio su tutte le emergenze globali mondiali e sulle loro possibili soluzioni e ha visto raddoppiare la partecipazione da parte degli studenti con circa 4000 partecipanti.

 

I GIOVANI “AMBASCIATORI DELLA TERRA”

Gli alunni delle scuole dell’infanzia, secondarie di primo e secondo grado hanno avuto la possibilità di partecipare alla quarta edizione del Premio #IoCiTengo segnalando progetti realizzati e legati ad uno o più obiettivi dell’Agenda 2030. Hanno aderito all’iniziativa 16 scuole, 50 classi e circa 900 studenti. I vincitori del premio sono stati nominati AMBASCIATORI DELLA TERRA in una cerimonia di premiazione che si è svolta nella mattina del 23 aprile.

Le scuole dell' infanzia al premio #iocitengo

Le scuole primarie al premio #iocitengo 

Le scuole secondarie di primo grado al premio #iocitengo 

GLI STATI GENERALI DELL’AMBIENTE DEI GIOVANI

Le scuole secondarie di secondo grado sono state protagoniste degli Stati Generali dell’Ambiente dei Giovani, un confronto costruttivo tra studenti sul ruolo della cultura e del dialogo come strumenti di pace per un futuro sostenibile. I ragazzi hanno lavorato sulla realizzazione di un video-appello rivolto ai loro coetanei per promuovere la partecipazione attiva e un più forte coinvolgimento nelle grandi sfide del futuro, definite dall’Agenda 2030. Come accaduto nel 2017, quando il video fu consegnato ai Ministri dei grandi Paesi del Pianeta, riuniti nel G7 Ambiente a Bologna, l’appello è stato portato al Ministro dell'Ambiente Sergio Costa poco dopo il suo insediamento.

Per approfondire clicca qui.

 

LE BUONE PRATICHE NELLE PIAZZE DELLA AGENDA 2030

Le 17 piazze per approfondire gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite sono state il cuore pulsante del Villaggio per la Terra. Dislocate al Galoppatoio di Villa Borghese, ognuna è stata dedicata all'approfondimento di ciascun Obiettivo. Durante il Festival Educazione alla Sostenibilità sono stati organizzati 9 eventi di presentazione di buone pratiche da parte delle scuole.

Per approfondire clicca qui.

 

IL MONDO CHE VORREI

Sono stati 70 gli studenti appartenenti alle scuole secondarie di secondo grado che hanno partecipato al progetto di alternanza scuola lavoro “IL MONDO CHE VORREI” promosso da Earth Day Italia e dal Movimento dei Focolari. Il progetto IL MONDO CHE VORREI è stato un percorso di informazione, formazione e azione sulle grandi sfide del millennio accompagnato da professionisti ed esperti in diverse discipline che aveva l’obiettivo di portare gli studenti a diventare maggiormente consapevoli delle grandi sfide del futuro e informati sugli obiettivi comuni che le Nazioni si sono date con l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. L’intento era anche quello di dare voce ai giovani e far sì che avessero un luogo dove poter esprimere in modo responsabile e consapevole in prima persona i propri sogni e la personale visione del futuro in rapporto al quadro di riferimento internazionale dell’Agenda 2030. Gli studenti hanno lavorato in 4 gruppi di lavoro (People, Planet, Prosperity, Peace) e costruendo i vari eventi del Villaggio, hanno avuto l’obiettivo di aumentare la conoscenza del tema e favorire il coinvolgimento attivo del pubblico del Villaggio della Terra.

Per approfondire clicca qui.