Facebook   Twitter   Youtube   Feed RSS
 
 

T- Riciclo

T- Riciclo

La Cooperativa Il T-Riciclo nasce nel 2000 dall’idea di tre donne che dinanzi al ricorrente problema di come liberare casa dagli innumerevoli oggetti, giocattoli, vestiti e articoli vari dei loro bambini, hanno pensato di dare a questi prodotti spesso virtualmente nuovi, una seconda opportunità di essere goduti da altri bambini e/o dalle loro famiglie.

Dopo averne assicurato la funzionalità e l’igiene attraverso la rigenerazione e la disinfezione, li hanno reimmessi sul mercato dei boot sales e dei mercatini di scambio romani facendone prodotti di commercio equo e solidale. Si sono ben presto distinte per la presentazione e garanzia della merce fidelizzando una clientela che, per la ragioni più varie, ha fatto suo il credo del non spreco e di consumi più contenuti.

Hanno in seguito pensato di mettere in piedi un servizio di raccolta gratuita a domicilio al quale molte famiglie hanno aderito con entusiasmo, riuscendo a “intercettare” il prodotto prima che divenisse materiale di scarto, da destinare ai cassonetti dell’immondizia.

Dalla sua nascita la Cooperativa il T-Riciclo è stata protagonista di campagne di grande successo come quelle di Natale “metti un T-Riciclo sotto l’albero”, raccolta e redistribuzione di giocattoli recuperati per indurre le buone pratiche della sostenibilità e sostenere l’infanzia svantaggiata, e l’uovo RICIoCcoLATO, l’iniziativa di Pasqua che abbina un uovo biologico a peluche recuperati e igienizzati venduto per scopi no profit.
T-Riciclo organizza inoltre eventi, mostre e dibattiti sul tema della green economy e per l’attività di formazione attraverso i laboratori nelle scuole sulla cittadinanza responsabile,con attività di Teatro educazione, di recupero e re-invenzione dei giocattoli, e di prossimità con la natura.

Nel 2010 il modello di impresa al femminile ha valso alla T-Riciclo il premio “Città al Femminile 2010” della Consulta Femminile del Lazio con un progetto dal quale origina “AlterEquo”, naturale evoluzione in senso commerciale rivolto alla produzione e vendita di prodotti da materiali di scarto  e al reinserimento di persone  socialmente svantaggiate al quale nel 2011 è stato assegnato  il finanziamento di “Roma Provincia Creativa” promosso da Provincia di Roma.