Facebook   Twitter   Youtube   Feed RSS
 
 
PARTECIPAZIONE: Earth Day Itali... > RiscArti 3a edizione

RiscArti 3a edizione

RiscArti 3a edizione

RIscARTI è un “contenitore” multidisciplinare, un percorso emozionale per fare esperienze creative con chi del riuso ne fa un’arte e uno stile di vita. Giunto ormai alla terza edizione, quest’anno il festival ospiterà non solo produzioni artistiche, ma anche prodotti d’artigianato sostenibile e filiere virtuose dell'alimentazione, sposando così le tematiche di Expo Milano 2015.

RiscARTI nasce all’inizio del 2013 per raccogliere le tendenze dell’arte a riciclare, riusare, dare nuova vita agli scarti. L’uomo utilizza ingenti quantità di risorse non rinnovabili, destinate ad esaurirsi. Riqualificare un oggetto che ha esaurito il suo ciclo di vita, e ripresentarlo in veste artistica, significa contribuire a generare nuovi modelli di pensiero e comportamento, in direzione di un consumo più equo e sostenibile.

RIscARTI: gli sc-arti ovvero i resti, sono gli elementi rifiutati, rimasti alla fine, recuperati fra gli eccessi del quotidiano. Oltre alla regola delle 4 R, riduzione recupero riciclo e riuso, ci sono le Arti, e l’estetica dello scarto è il modo propositivo di costruire il cambiamento, il riscatto: i materiali e l’energia contenuta nei rifiuti, diventano sempre più preziosi, in un mondo dalle risorse limitate e l’arte é quel mezzo che -trasversale a cultura, politica, economia e società- è capace di generare nuovi modelli di pensiero e comportamento, in direzione di un futuro più sostenibile!

Un contenitore di esperienze culturali sul riciclo e i riciclatori.

http://www.youtube.com/watch?v=iB9tq9k-9Ww 

CONTENUTI E OBIETTIVI:

Ridisegnare l’idea di utile e di avanzo di una società consumistica, attraverso le arti, per educare le nuove generazioni ad altre forme possibili di sviluppo economico, ed indurre a comportamenti virtuosi e pratiche di rispetto nei confronti dell’ambiente.

Confrontarsi sul tema del riuso e del riciclo fra gli attori locali, ed esaminare le relazioni fra arte visuale e pensiero ecologico, per ricercare vie alternative di metamorfosi di forme e materie in tutti i campi, seguendo le esperienze condivise di una civiltà interculturale, aperta al mercato, anche grazie alle nuove tecnologie.

Lasciare il mondo un po meglio di come lo abbiamo trovato.

Festival RIscARTI 1ª edizione 4-12 Aprile 2013, Cittá dell’Altra Economia (MUNICIPIO I) Grazie alle collaborazioni internazionali (Spagna, Olanda, Stai Uniti, Svizzera fra altri) e ai Partner Istituzionali (Comune di Roma e Ispra i più importanti) ed alla presenza della significativa opera di Michelangelo Pistoletto “i Temp(l)i cambiano”  -architettura, su modello greco, costruita con i cestelli di lavatrici e le serpentine dei frigoriferi- il Festival RIscARTI nella sua prima edizione ha accolto circa 70 progetti nei quattro ambiti: esposizione, laboratori, spettacoli e proiezioni, e conseguenti 8 mila visitatori generando una piattaforma di scambio e arricchimento intergenerazionale sui valori della cultura, della creatività e del riciclo, in difesa dell’ambiente.

Isola Zero nell’ambito della rassegna Isola del Cinema, 3 – 6 Settembre 2013, Isola Tiberina (MUNICIPIO I): A Roma, l’Isola del Cinema diventa piazza della sostenibilità e chiude la rassegna estiva di cinema,  con una 4 giorni dedicata all’ambiente con la direzione artistica di RIscARTI,  che organizza la  sfilata di moda critica “RE-MADE IN ITALY” per informare con l’intrattenimento, e guidare il pubblico romano alla scoperta di nuovi stili di vita compatibili con le risorse limitate del pianeta. L’aspirazione al cambiamento deve essere incoraggiata da una proposta culturale (e commerciale) ricca di senso. La Sfilata di Moda Critica è l’occasione, la provocazione e la risposta a quel desiderio inespresso di cambiamento. Nell’ambito della Rassegna Isola del Cinema l’iniziativa ISOLA ZERO, sarà il contenitore dedicato al cinema per l’Ambiente con una piazza della sostenibilità, ricca di iniziative, dibattiti, proiezioni e istallazioni e a conclusione, il green carpet della moda.

RE-made in Italy, 24 Novembre 2013, Teatro Patologico (MUNICIPIO XV):

Le giornate del RE-MADE IN ITALY, con momenti di spettacolo ed una mostra, è la proposta per tornare a confrontarsi sulla sostenibilità come materia di cultura del XXI secolo, sul tema del “ recupero” non solo dei materiali ma di antichi e sapienti mestieri manuali come quello del taglio e cucito, del design, della creatività e ingegnosità, nostro vanto nazionale e volano di una straordinaria stagione del “Made in Italy”; il recupero di professionalità femminili e maschili che rischiano di scomparire e che si misurano pur fra mille difficoltà e non sostenuti da politiche di rilancio della micro e piccola impresa dello stile, con i temi dell’arte e della creatività artigiana a servizio dell’ambiente e della green economy. L’importanza di offrire ai giovani delle periferie la possibilità di imparare un mestiere come alternativa agli studi, per lasciare la strada creando occasioni reali di crescita nelle abilità che gli appartengono.

Festival RIscARTI 2ª edizione, 2-11 Maggio 2014, Cittá dell’Altra Economia, (MUNICIPIO I): Due autobus divengono spazi espositivi per il

Festival: allestiti all’interno con i materiali del Treno Verde di

Legambiente: bambù, garze naturali, ciocchi di legno e altro, come veicolo di un messaggio di rispetto nei confronti dell’ambiente, per consolidare una cultura degli scarti, a sostegno di un modello economico più equo e meno sprecone. Il terzo autobus è di condivisione, di aperitivi musicali, e d’interventi artistici dal

vivo: c’è Gipsy Wisdom, l’artista residente a RIscARTI che in una settimana di lavoro ha reso l’ autobus da 12 metri un mezzo unico: un trasporto per passeggeri, guidati verso una società più equa, più attenta e sensibile alla questione dei rifiuti: “un onore” ha commentato “poter dipingere su un colosso, mobile, i concetti e le immagini di viaggio e strada” temi caldi legati al riciclo e alla sua cultura. Una 10 giorni significativa di performances, mostra, laboratori, video e incontri con le Amministrazioni pubbliche (presenti l’Assessorato di Roma all’Ambiente, Periferie e Mobilità) e molte realtà del territorio. Questo è RIscARTI: una piattaforma multidisciplinare, fatta di gente, sui temi green, ed un percorso emozionale per fare esperienze creative con chi del riuso ne fa un'Arte.

European Mobility Week, 16 – 21 Settembre 2014, via dei Fori Imperiali (MUNICIPIO I): L’autobus di RIscARTI in via dei Fori Imperiali per accogliere una ciclo-officina mobile ed una mostra interattiva. Per parlare di città smart e sostenibili, a misura di cittadino, più verdi, in sintonia con l’ambiente e con gli stili di vita virtuosi.

Per incoraggiare l’autoproduzione e l’autoriparazione, l’uso dei mezzi pubblici e delle biciclette. In quest’occasione l’Associazione definisce insieme ad Atac il programma della manifestazione. Nel weekend il concerto di Simone Cristicchi e la Performance di Lorenzo Gubinelli rott-AMIAMO l’autobus, mentre domenica uno spunto teatrale con Il Gruppo Storico Romano e una ciclo-biga costruita con scarti degli autobus.

Verso Rifiuti Zero, Giugno 2014 – Maggio 2015 - Un progetto per i luoghi idea(li) (MUNICIPIO XII): RIscARTI prende parte al progetto con già due interventi domenicali presso i caseggiati del quartiere di Monteverde. Costruire una cultura ed una cittadinanza dei rifiuti, in quanto dal semplice contenuto tecnico che può portare AMA, si arriva ad una più complessiva riflessione sui rifiuti: produrne di meno, riconoscere i valori che conserva ciò che in casa non serve più, sia inteso come oggetto, che come materiale da trasformare: riciclare anche a livello artigianale.

L’appuntamento prevede una serie di momenti introduttivi basati sulla presenza di stand, opere di riciclo crativo, piccole performance di sensibilizzazione a cura di vari artisti e differenti settori artistici, filmati e fotografie, organizzati come corner, nei differenti condomini dove si interviene di volta in volta.

CAMBIO INDIRIZZO Novembre 2013 - Dicembre 2014 "Cambio Indirizzo" è la tenera e al tempo stesso ironica espressione usata dalla Signora Erminia Manfredi per salutare il marito Nino, partito per la sua destinazione finale; "Cambio Indirizzo" è il tema di fondo di una celebrazione molto particolare: vuole ricordare Nino e al tempo stesso promuovere una cultura dell'ambiente, attraverso il riuso e riciclo di oggetti che hanno una memoria, un valore da riscattare.

E' un progetto sulla memoria, che risiede nei vecchi mobili e oggetti d'arredamento recuperati dalla casa di Nino Manfredi. Frammenti di esistenza, raccolti e visti con altre possibilità da artisti visionari, che lavorano con il riciclo creativo e sono capaci di farli vivere di nuovo, creativamente, dandogli una nuova utilità.  Gli oggetti, inseriti nella narrativa delle trasformazioni e adattamenti che operano il tempo, le necessità e in questo caso gli artisti - emergenti o con una lunga esperienza, ma tutti legati in qualche modo al territorio romano, sensibili all'ecologia e ammiratori di Nino - cambiano forma, ma conservano la loro storia.