Facebook   Twitter   Youtube   Feed RSS
 
 
PARTECIPAZIONE: Earth Day Itali... > Forum italiano Salviamo il Paesaggio

Forum italiano Salviamo il Paesaggio

Forum italiano Salviamo il Paesaggio

Il Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e il Paesaggio è stato costituito nel 2011 per sensibilizzare il nostro Paese su uno dei più grandi scempi che sta subendo, sotto silenzio e da troppo tempo: il consumo del suolo libero e fertile a favore di cemento e asfalto.

Si tratta di un aggregato di associazioni e cittadini di tutta Italia (sul modello del Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua), a cui aderiscono attualmente oltre 12.000 persone a titolo individuale e 828 organizzazioni, tra cui tutte le principali realtà italiane operanti nel campo della salvaguardia del territorio, dell'ambiente, del paesaggio, dei suoli agricoli (l’elenco aggiornato è visibile sul sito).

Il bisogno di tutelare il paesaggio è sorto per gli importanti mutamenti che ogni giorno devastano il nostro ambiente. Quotidianamente si cementificano 100 ettari di superficie libera, quasi il doppio della media europea; perché in Italia ci sono cinque milioni di case vuote, eppure si continua a costruire; perché i suoli fertili sono una risorsa preziosissima e non rinnovabile. E li stiamo perdendo per sempre.

Cemento e asfalto ci stanno privando per sempre di beni comuni fondamentali: i nostri territori e la loro bellezza, che sono indissolubilmente legati alla nostra qualità della vita.

Il suolo fertile e l’integrità del paesaggio sono la principale garanzia per il futuro del nostro Paese, per il turismo, per la nostra agricoltura e i prodotti tradizionali, per la salubrità dei luoghi in cui abitiamo e la biodiversità naturale ivi presente. La storia ci insegna che essi sono la base concreta di ogni cultura locale, ciò che unisce gli italiani nella diversità e ci rende un popolo unico. L'uso attento del territorio è essenziale per rimediare al grave dissesto idrogeologico in cui versa il territorio nazionale. Paesaggio e territorio fertile sono la risorsa economica di cui siamo più ricchi, è assurdo sprecarla così.