Facebook   Twitter   Youtube   Feed RSS
 
 
EVENTI: In marcia per l... > Marcia Globale per il Clima - Roma, 29/11/2015

Marcia Globale per il Clima - Roma, 29/11/2015

Marcia Globale per il Clima - Roma, 29/11/2015

Dopo il grande successo della Marcia per la Terra dello scorso 8 novembre, Earth Day Italia non poteva mancare il 29 novembre all’evento romano della grande marcia globale promossa da Coalizione Italiana Clima su COP21.

Alla Coalizione Italiana Clima, assieme ad Earth Day Italia, hanno aderito oltre 130 soggetti fra sindacati dei lavoratori e organizzazioni nazionali e locali della società civile, degli agricoltori, di solidarietà internazionale e di difesa dei diritti umani, ambientaliste, confessionali, sindacali, movimenti sociali e enti locali tutti impegnati nella sensibilizzazione alla salvaguardia dell’ambiente.

L’evento romano del 29 novembre ha rappresentato una tappa della grande marcia globale che, lo stesso giorno, ha coinvolto milioni di persone in centinaia di città del mondo tra cui Parigi, Londra, Berlino, Madrid, Amsterdam, Barcellona, e poi San Paolo, Johannesburg, Sydney, Canberra, Kampala, Tokyo, Dhaka, Bogotà.

Tutti insieme, da tutto il mondo hanno marciato per proteggere la propria Terra.

I cambiamenti climatici rappresentano infatti un’emergenza che coinvolge tutti perché mette a rischio la vita di persone, specie ed ecosistemi. In pericolo c’è la sicurezza di intere popolazioni, in ogni area del pianeta e si pongono, esplicitamente, oggi nel mondo, questioni di giustizia climatica. Esse sono legate a costi economici crescenti e all’aggravamento delle condizioni di povertà, a difficoltà sempre maggiori nell’accesso all’acqua, alla riduzione della produzione agricola che mette a rischio la sicurezza alimentare, a nuovi motivi di conflitto e di fuga.

La COP21, che si sta tenendo a Parigi a partire dal 30 novembre fino al 12 dicembre 2015, rappresenta una tappa molto importante nella battaglia contro i cambiamenti climatici, perché vi si dovrà definire un nuovo piano di riduzione delle emissioni globali di gas serra. Da qui può partire un percorso nuovo ed efficace. Ma molte sono le resistenze, guidate soprattutto dalle lobby delle vecchie fonti energetiche, molte sono le timidezze che i governi stanno dimostrando. Per questo non si può dare per scontato che l’esito della COP21 sia positivo, cioè sia varato un accordo efficace, equo e incisivo che permetta davvero di raggiungere l’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C.

È necessario e urgente agire perché, grazie alla pressione dell’opinione pubblica e delle organizzazioni della società civile, si riesca a strappare un accordo legalmente vincolante e in linea con le indicazioni della comunità scientifica e affinché la conferenza di Parigi apra un percorso concreto e condiviso da tutti i Paesi, nel quadro di una responsabilità comune e differenziata in rapporto al contributo storicamente dato alle emissioni di CO2.

Clicca qui per scoprire tutti i dettagli dell'evento

Clicca qui per scaricare tutti i materiali di comunicazione